Le 5 cose da non fare per alleviare il prurito dell'herpes

Alleviare il prurito dell’herpes labiale, anche detto “febbre del labbro”, è un problema molto sentito da chi è soggetto a frequenti recidive. Il prurito può svilupparsi in diversi momenti delle 5 fasi dell’insorgenza di una recidiva: o all’inizio, quando la pelle comincia ad arrossarsi e a tendersi mostrando le prime avvisaglie, o con la presenza delle vescicole oppure con la comparsa della crosticina in fase di guarigione. Cosa non fare, dunque, per attenuare il prurito?

1. NON TOCCARE L’HERPES LABIALE!

Nonostante l’impulso di tormentare la lesione da herpes labiale a volte sia incontenibile, specialmente quando il prurito è molto intenso, è necessario evitare il più possibile di manipolarla. Il motivo principale è che le recidive dell’herpes labiale sono molto infettive e quindi rischiamo, toccandole, di trasportare l’infezione da una parte all’altra del viso o di trasmetterla a qualcun altro. La seconda ragione riguarda il rischio di asportare la crosticina che si forma sulla superficie della lesione prima che questa cada spontaneamente. In questo caso si rischia di riaprire la ferita in via di guarigione esponendosi alla possibile comparsa di cicatrici.

2. CON LE RECIDIVE DELL’HERPES: ATTENZIONE ALL’ACQUA

Se l’idratazione è un aspetto fondamentale per la prevenzione dalla comparsa di recidive dell’herpes labiale, non è altrettanto indicato bagnare le lesioni in corso, specialmente con acqua calda. L’acqua calda, infatti, potrebbe provocare la rottura delle vescicole e aumentare l’infiammazione.

3. NO AGLI IRRITANTI E ALL’AGLIO

Sui metodi anti-prurito della “febbre delle labbra” la tradizione si è spesa in innumerevoli soluzioni casalinghe che vedono tra i rimedi più diffusi l’applicazione sulle lesioni da herpes, a qualsiasi stadio, di aceto, limone e sale.

Tutte queste sostanze sono naturalmente antisettiche ma anche dotate di particolari proprietà irritanti che potrebbero acuire il senso di fastidio. Altra menzione va fatta per l’aglio che, se è vero che vanta effetti anti-infiammatori, è vero anche che sfregarlo sulla lesione potrebbe procurare più fastidi che benefici, rischiando di irritare la pelle per lo strofinamento e far scoppiare le vescicole.

4. GHIACCIO SULLA LABBRA DURANTE LA RECIDIVA DA HERPES LABIALE? PIÙ RISCHI CHE BENEFICI

Il ghiaccio viene usato spesso come rapido anestetico e quindi potrebbe offrire un breve sollievo dal fastidio dell’herpes labiale, tuttavia, data la delicatezza della cute infetta dalla recidiva, lo sbalzo di temperatura potrebbe causare la rottura delle bollicine aggravando l’ulcerazione.

5. SULLE LESIONI DELL’HERPES LABIALE MAI APPLICARE POMATE CORTISONICHE

Spesso i trattamenti fai da te possono rischiare di aggravare il problema dell’herpes labiale invece di alleviarne il prurito e il fastidio. È questo il caso delle pomate che contengono cortisone che, pur essendo potentemente anti-infiammatorie, causano l’abbassamento locale delle difese immunitarie con il rischio di lasciare spazio agli attacchi del virus causa dell’herpes labiale.